Capri/Napoli: 28 nuotatori d’eccezione per la Coppa del Mondo

Capri/Napoli: 28 nuotatori d’eccezione per la Coppa del Mondo

image_print

Domenica la tappa conclusiva della Fina UltraMarathon, in acque libere per il titolo planetario

 

Napoli. Manca ancora poco per 56esima edizione della “Capri-Napoli trofeo Farmacosmo”, in calendario domenica prossima 5 settembre.

Ventotto campioni nuotatori in gara per la maratona mondiale di nuoto in acque libere, la più antica del circuito internazionale, nata nel lontano 1954, che fa battere il cuore dei tantissimi appassionati.

“È la prova regina del nuoto di fondo e anche stavolta rappresenta la tappa conclusiva della Fina UltraMarathon, per l’assegnazione della Coppa del Mondo di specialità” – dichiara Luciano Cotena, manager della “Eventualmente Eventi & Comunicazione”, organizzatore e convinto sostenitore di questa ormai mitica competizione, recuperata negli ultimi anni con crescente determinazione e riportata in auge.

All’edizione 2021 prenderanno parte i vincitori degli ultimi tre titoli iridati sulla distanza dei 25 km, presenti fra i nuotatori per la sezione maschile.

La gara si disputerà sulla distanza di 36 km, con partenza dal “Lido Le Ondine di Capri” e arrivo nelle acque antistanti il “Circolo Canottieri Napoli”.

Notevoli credenziali per i ventotto nuotatori iscritti, che rappresentano otto nazioni con una storia di tutto rispetto nel settore: Argentina, Belgio, Brasile, Francia, Italia, Macedonia, Olanda, Usa; sedici gli atleti in campo per l’ambito maschile, dodici per quello femminile, assolutamente determinati a strappare l’ambito titolo planetario.

Si sfideranno nelle acque del Golfo partenopeo, tra i concorrenti: l’”esordiente”Simone Ruffini delle Fiamme Oro, campione del mondo sui 25 km a Kazan nel 2015, e Axel Reymond, francese, iridato in carica sulla stessa distanza, detentore per ben due volte del titolo mondiale nel 2017 e nel 2019.

Ancora, il vincitore del 2020: l’olandese Marcel Schouten; poi, l’argentino Damian Blaum che era assente nel 2020, trionfatore a Napoli nel 2010 e 2015: proprio con questa partecipazione attiva va ad eguagliare a quota 15 il determinato connazionale Claudio Plit, in testa alla classifica delle presenze alla Capri-Napoli.

E ci sarà alla partenza dal suolo caprese, il macedone Evgenij Pop Acev, vincitore nel 2016 e due volte primo – nel 2017 e nel 2019 – nella coppa di specialità.

Tra gli atleti italiani, Edoardo Stochino delle Fiamme Oro, detentore della Coppa di specialità nel 2016 e nel 2018: per l’undicesima volta record per gli atleti del Belpaese, è ben quotato per fare suo il primo posto, inseguito più volte e ambito massimamente. Per le Fiamme Oro, anche Alessio Occhipinti, terzo nello scorso anno all’esordio, e Francesco Ghettini della Marina Militare, grazie sl quale l’Italia riconquistò strepitosamente il titolo nel 2018 dopo 48 lunghi anni di vari piazzamenti: dall’ultima affermazione di Giulio Travaglio non si verificava.

Riccardo Chiarcos, unico ad avere già gareggiato alla Capri-Napoli quest’anno, con qualificazione nella “prova open”, l’ha conclusa in sette ore lo scorso 2 luglio.

E passiamo alle donne: ci saranno tra le altre, la francese Caroline Jouisse, terza nel 2020, e l’argentina Pilar Geijo, già vincitrice nel 2011 e 2015: la sudamericana con questa partecipazione s’impone come concorrente femminile con il maggior numero di presenze alla Capri-Napoli: quota dodici.

L’Italia sfoggia una grande atleta: Barbara Pozzobon, super campionessa delle Fiamme Oro, alla conquista del tris, reduce dai trionfi del 2018 e 2019.

Rinuncia invece la campionessa in carica e detentrice del record assoluto, Arianna Bridi: dopo aver saltato gli europei di Budapest, non potrà difendere il titolo stavolta.

Tutti concorrenti dalle grandi chances: si sfideranno a colpi di possenti bracciate, fino al traguardo sulle rive partenopee. Ad accoglierli, un caloroso pubblico di Napoli che non farà mancare il suo sostegno e la sua partecipazione.

La prestigiosa gara sarà seguita dalla nota e storica emittente TeleCapri, che trasmetterà anche in diretta le fasi salienti, per consentire al pubblico di seguire ovunque questa prestigiosa competizione.

Quest’anno sarà nuovamente attribuito il premio Coni, intitolato alla memoria di Giulio Travaglio: verrà consegnato al migliore italiano in classifica generale.

Rinnovato l’accorso con Farmacosmo, che ha scelto di sostenere anche stavolta lo storico evento che unisce sport e bellezza. In particolare, l’e-commerce ha ampliato il concetto di parafarmacia online, “da luogo in cui acquistare prodotti per curarsi a luogo in cui prendersi cura di sé” attraverso l’acquisto (farmacosmo.it) di parafarmaci, prodotti per il benessere e profumi.

Particolarmente nutrito il calendario di eventi collaterali: atleti e allenatori venerdì 3 settembre saranno a Capri per il saluto con le istituzioni locali, secondo una consolidata abitudine. Sabato 4, al Gambrinus, il saluto che precede la gara fissata per domenica, quando gli atleti, lo staff e i giudici si trasferiranno in prima mattinata sull’Isola Azzurra, grazie alla collaborazione con Navigazione Libera del Golfo, società che anche quest’anno ha assicurato il proprio fondamentale sostegno, garantendo l’utilizzo dei mezzi per le operazioni di trasporto.

Gli aspetti fisio-medici durante la competizione di Domenica, 5 settembre 2021, della 56th edition – 1954 – 2021: 68 years, sono nelle esperte mani del dott. Flavio Maione della FisioMaione, che si occuperà inoltre di tutti i vari aspetti concernenti l’assistenza sanitaria a terra. In concomitanza con lo svolgimento della competizione, in collaborazione con la Clinica Montevergine, ancora domenica 5, giornata per lo screening cardiologico gratuito: saranno disposizione del pubblico specialisti della struttura di cura.

L’evento formalizza la continuazione della fattiva collaborazione tra Eventualmente Eventi & Comunicazione, l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa-cattedra di Storia del Mediterraneo e il MEDAlics, Centro di ricerca per le relazioni mediterranee dell’Università per stranieri di Reggio Calabria, “Dante Alighieri”.

Armando Giuseppe Mandile