Canonizzazione di Don Giustino Maria Russolillo.

Canonizzazione di Don Giustino Maria Russolillo.

image_print

E’ iniziato oggi, venerdì 9 luglio 2021, alle 11.00, presso l’Antisala dei Baroni del Complesso monumentale di Castel Nuovo, il Maschio Angioino di Napoli,  il percorso di canonizzazione del Beato Don Giustino Maria Russolillo.

Il Presidente della Commissione Centrale per la Canonizzazione, Don Salvatore Musella, ha introdotto la giornata raccontando la vita di Don Giustino, beato Giustino Maria Russolillo (1981-1955), sacerdote napoletano fondatore cento anni fa della Società delle Divine Vocazioni (i Vocazionisti) e della Congregazione delle Suore delle Divine Vocazioni. Figure illustri hanno partecipato al dibattito, Padre Antonio Rafael do Nascimento,  Suor Chiara Stella Vitale, Padre Giacomo Capraro. Per la canonizzazione, pensata in occasione del centenario, è stata costituita una Commissione centrale e 5 sottocommissioni (liturgia, animazione vocazionale, logistica, comunicazione e stampa, economia), con referenti inseriti anche nella Commissione Centrale.

Ordinato sacerdote il 20 settembre del 1913 nella Cattedrale di Pozzuoli – e come indica il nome della sua opera, si spese a servizio delle vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata – Don Giustino è ancora vivo nei ricordi dei suoi fedeli e ha lasciato il segno indelebile in chi lo ha conosciuto nel suo percorso – raccontano i relatori della giornata.

Certamente l’occasione della canonizzazione sarà importante, essendo questo un evento mondiale come sottolinea Don Salvatore Musella, e porterà all’arrivo di molti pellegrini e di tanti che nel mondo ruotano intorno all’ordine dei Vocazionisti.

L’evento odierno è stato ospitato in una sede del Comune di Napoli, ed ha trovato il Patrocinio del Comune di Napoli e della Regione Campania. Ma rappresenta solo il primo appuntamento. Il secondo sarà in settembre, fino al passaggio fondamentale finale della canonizzazione completa.