Spot on Martin Bogren

Spot on Martin Bogren

image_print
La Spot Home Gallery aveva già ospitato il fotografo svedese Martin Bogren nel 2021 in occasione della collettiva dal titolo “Andamento lento“, che riavviava le attività della galleria partendo e il discorso sull’arte della fotografia.
In quegli scatti, il fotografo viaggiando in Italia da sud a nord del paese, aveva raccontato la vita e le sensazioni provate in città come Roma, Napoli, Palermo, Bologna, Torino, in una rappresentazione lirica e senza tempo e come viaggio fuori e dentro di sé.

Nei giorni passati, in occasione della pubblicazione del suo ultimo libro Metropolia, Editions Xavier Barral, ottobre 2022, la Galleria di Cristina Ferraiuolo è tornata sul fotografo per esporre una selezione di opere tratte dalle sue serie “Metropolia”, “Passengers”, “Hollow”, “August song” e “Italia”, realizzando ed esponendo in mostra anche un prezioso portfolio di “Metropolia” ad edizione limitata nel formato speciale 58 x 75cm. Fotografo svedese nato nel 1967, Bogren vive attualmente a Malmö in Svezia. All’inizio del suo percorso fotografico sviluppa un approccio personale alla fotografia documentaria, seguendo musicisti e artisti svedesi sul palco. In mostra ora il punto di vista è la fragilità e Martin Bogren tende ad immortalare negli scatti proposti l’intimità e la fragilità delle cose.

Nelle note di galleria si legge: l’universo visivo di Martin Bogren rivela l’illusione del mondo.  La realtà resta per pochi istanti davanti ai nostri occhi per poi, distruggersi. In quell’istante nasce lo scatto di Bogren.
L’esposizione e il ciclo di appuntamenti con l’artista – che è stato presente in Galleria il 24 – 25 – 26 novembre per incontrare il pubblico e firmare il libro, “Metropolia” si sono svolti nel corso dell’evento Art Days Campania 2022, anche se la mostra che porta il titolo “Spot on Martin Bogren”, con gli scatti delle serie “Passengers”, “Hollow”, “August song”, “Italia” e l’ultima, “Metropolia”, resterà in galleria, fino al 24 Febbraio, 2022, insieme al Portfolio in Edizione Limitata “Metropolia”, New York City 2016 – 2019, con le incantevoli 16 stampe – progettato e realizzato a mano da #LaureGilquin, editato da Caroline Bénichou, in Edizione di 12 + 2 A. In mostra, si potranno infine, acquistare copie del libro “Metropolia” pubblicato da Atelier EXB.
In mostra Martin Bogren include per la prima volta alcune fotografie a colori che vengono a punteggiare il bianco e nero: “l’uso del colore è stato un modo per ribellarmi a me stesso – spiega il fotografo – per vedere se potevo fare qualcosa di totalmente nuovo. Con il bianco e nero avevo iniziato a conoscere un po’ troppo quello che stavo facendo, mentre il colore era come una lingua straniera che ho imparato lentamente. A dire il vero, le mie immagini a colori sono molto monocromatiche”.
Per l’occasione della mostra sarà esposta anche una selezione di lavori degli altri artisti rappresentati dalla Galleria di Cristina Ferraiuolo: Michael Ackerman, Morten Andersen, Luca Anzani, Lorenzo Castore, Dimitra Dede, Adam Grossman Cohen, Richard Pak, Anaïs Tondeur.