Club dei Creativi, il portale dei creativi italiani

Club dei Creativi, il portale dei creativi italiani

I cervelli in fuga si riuniscono in un network. Sono coloro che hanno preferito far carriera all’estero e probabilmente a casa non torneranno mai…
I cosiddetti cervelli in fuga si riuniscono in un network. Sono coloro che fanno hanno preferito far carriera all’estero e probabilmente a casa non torneranno mai; sono circa 30-60mila gli italiani talentuosi che espatriano ogni anno, uno spreco di buone menti, a pensarci, ma se invece da dove si trovano riuscissero a lavorare a favore del nostro paese?
E’ proprio questo il senso del Club dei Creativi (www.clubdeicreativi.it) dal cui manifesto si legge << I Creativi italiani nel mondo sono una pietra miliare dell’Italian Style e rappresentano una risorsa preziosa dell’Italia, cui attingere per lo sviluppo economico e culturale del nostro paese. Creare una rete per metterli in relazione tra loro significa valorizzare le risorse all’estero e farle interagire con il sistema produttivo italiano: nell’economia globale non è decisivo il luogo in cui si produce ma le relazioni che si sviluppano >>.
Dunque valorizzare il concetto di “rete” ed offrire a queste persone risorse utili affinchè essa venga utilizzata nel migliore dei modi e a favore del loro paese natio: utilizzare gli italiani all’estero per entrare in contatto con altri paesi e fare business.
Proprio perché chi se ne va solitamente non torna, perché non pensare di potenziare il sistema di relazione tra loro e le imprese? Questo il presupposto dell’associazione che ha creato il network, Mecenate 90.
Il Club dei Creativi innanzi tutto funge da social network per creativi, architetti, videomaker, designer o artisti, che possono mostrare il loro talento; prevede poi una pagina delle Opportunità, tramite la quale le aziende possono venire in contatto con le risorse. In un futuro brevissimo, rassicura il Presidente di Mecenate 90, vi sarà anche una sezione dedicata alla supervisione dei talenti iscritti per certificare i loro lavori, certificarne il valore e presentarli al sistema delle imprese, così che far parte del network sarà un po’ come avere una sorta di riconoscimento ufficiale delle proprie capacità e soprattutto farsi notare dalle grandi corporation con la degna nota del Club che farà la differenza.

Vittoria Citarelli

Lascia un commento