Napoli: “Delitto in casa Scornavacca” al teatro “Piccolo” di Furigrotta

Napoli: “Delitto in casa Scornavacca” al teatro “Piccolo” di Furigrotta

In scena lunedì 13 Marzo presso il teatro “Piccolo” di Fuorigrotta, lo spettacolo teatrale “DELITTO IN CASA SCORNAVACCA”, a cura della compagnia teatrale ”I RAGAZZI DEL VILLAGGIO”. La compagnia amatoriale nasce nel 2009 da un’idea di VITTORIO DELLA CORTE, un gruppo di amici che decide di mettersi in campo. Una passione quella di Vittorio frutto di una unica fantasia, che lo spinge a scrivere sceneggiature di genere “comico”. Un gruppo di amici che inizia a esibirsi in una palestra e dopo circa un anno arriva il salto di qualità è nasce il primo spettacolo in teatro. Grande successo e subito la decisione di devolvere tutto il ricavato degli spettacoli in beneficenza, a sostegno di cause degne di aiuto. Per diversi anni la compagnia aiuta un bambino affetto da “SMA” per l’acquisto di un autoveicolo con i dispositivi speciali. Vicini all’ associazione ”PARLA CON ME” centro antiviolenza alle donne, nasce uno sportello d’informazioni. Continua il percorso solidale e il ricavato della serata di uno spettacolo, viene devoluto all’associazione ”CENTRO LAILA” di Castelvolturno che si occupa di aiuti e assistenza ai figli degli immigrati. Grande soddisfazione per essere stati vicini a Telethon per la beneficenza, e nel 2018 al Festival nazionale del teatro a Villaricca con la commedia ”SCHERZI DELLA NATURA” arriva il Premio come migliore testo e migliore interpretazione. Tante le commedie scritte da Vittorio Della Corte: SE SO M’BRIACATE E LENGUE, L’EREDITA’, A PENSIONE NUN SE TOCCA, A QUADERNA, IL FANTASMA VIZIOSO, SCHERZI DELLA NATURA, RIPOSI AGITATI, UNA PROMESSA INDECENTE, ANDRA’ TUTTO BENE. Ultima opera che esordirà lunedì “DELITTO IN CASA SCORNAVACCA”, una commedia ricca di colpi di scena, ambientata in una casa dove vivono un padre anziano generale dell’esercito in pensione e una figlia vedova di un uomo caduto in un incidente aereo e infine un nipote con un evidente deficit mentale, richiamato in servizio militare in modalità “smart working”. In scena i personaggi interpretati da Sila Conte, Danilo Serio, Susy Sergio, Mariano Monte, Ylenia Esposito.