Charity, “Cuore d’Oro”: nuovo termine 20 aprile

Charity, “Cuore d’Oro”: nuovo termine 20 aprile

image_print

La nota Squadra solidale d’eccellenza di #InsiemeperilTerritorio, fondata dalla giornalista enogastronomica napoletana Teresa Lucianelli, rilancia in charity. Infatti, in considerazione dell’aumento dei “nuovi poveri” è esteso, a martedì della prossima settimana, il termine ultimo per la mission solidale internazionale, promossa dalla Squadra d’eccellenza fondata dalla giornalista enogastronomica napoletana Teresa Lucianelli.

L’ aumento della povertà nella nostra regione ha determinato l’appropriata decisione di prorogare la mission internazionale.

Assicurare generi di prima necessità ai piccoli orfani, senzatetto e vittime di conflitti e gravi problematiche, alle famiglie in notevoli difficoltà e ai clochard, nel Progetto AbitiAmo, assistiti dai volontari della Parrocchia di San Gennaro al Vomero, guidata da Padre Massimo Ghezzi, che operano sul territorio della Campania e nella missione in Albania: questo lo scopo dell’iniziativa charity.

Sono operativi i centri raccolta di Villa Domi, Salita Scudillo, 19, Napoli (081 5922233 -311) e di Sapori di Napoli, via Capua, 2, Nola (081 8263633), dove è possibile portare o inviare abiti, scarpe, coperte asciugamani, prodotti alimentari e per l’igiene, giocattoli.

Donazioni: Postepay 5333 1711 1071 6343, c.f. FRNPLA73E61L845V – o bonifico: Paola Fiorentino IBAN: IT61D3608105138275713175781) da destinare all’acquisto di generi indispensabili.

Nell’operazione benefica “Cuore d’Oro, la Squadra solidale ha centrato già tutti gli obiettivi che erano stati inizialmente annunciati. Sono stati donati provviste alimentari, specialità rustiche e dolci per la Mensa solidale, Inter a vestiario, biancheria e altro.

Chef, produttori, artisti, professionisti della salute, del benessere, dell’informazione, italiani ed esteri, sono tutti volontari nella Squadra solidale di #InsiemeperilTerritorio, operativa da inizi 2012, nata da un’idea appunto della giornalista televisiva Teresa Lucianelli, già nella carta stampata quotidiana e affermatasi anche nell’online, specializzata in uffici stampa e comunicazione.

Fino dall’inizio della pandemia, la formazione benefica – impegnata dal 2012 nella rassegna itinerante di eventi solidali d’eccellenza – ha lavorato ininterrottamente, intensificando la propria attività a favore del prossimo. In particolare, assicura beni di prima necessità a chi è in grande difficoltà, attraverso le sue attività, in questo particolare periodi storico maggiormente necessarie in considerazione della grave crisi economica che non accenna a fermarsi e a causa della quale la povertà è purtroppo in sensibile aumento.

Le raccolte e i contest internazionali a scopo solidale hanno appropriatamente sostituito le tante manifestazioni – oggi assolutamente vietate dalle norme anti covid – prima promosse a più riprese nell’arco dell’anno, soprattutto in occasione delle festività natalizie e pasquali, del Carnevale, negli inizi stagione e durante il periodo estivo.

Il “Cuore d’Oro”, iniziativa internazionale si avvale innanzitutto del supporto di: Vinni Dorta (Monaco di Baviera); Vincenzo Napoletano (Londra); Alessandra Fabbroni (Tolosa); Arfè Gastronomia da 150 anni, Mattozzi dal 1833, Umberto 1916, Donna Luisella, Benvenuti al Sud, Cantine Mediterranee, Assostato con Silvano Barrella, Mariella Di Meglio, Emanuele De Cicco (Napoli); Ileana Mandile Estetica e Benessere (Casoria); Officina delle Idee (Volla); Raffaele Caldarelli Pasticciere, Sapori di Napoli, Pizza & Fritti (Nola); Amor Mio (Brusciano); Chefmania, Francesco & Co (Castellammare di Stabia); Cerasè, Pizza Therapy (Vico Equense); Paola Fiorentino, Josephine Passerotti (Positano); Solania Srl (Nocera Inferiore); Caseificio Caracciolo (Lauro); La Cucina di Cappa (San Giorgio del Sannio); Benvenuti al Sud (Lusciano); Lago Grande (Monticchio); Agricola Donatello Chiarito (Ripacandida). In nome di bene, insieme a loro gli altri componenti dell’affiatata Squadra di #InsiemeperilTerritorio, sempre operativa, a supporto della Mensa solidale e della struttura di supporto della Parrocchia di San Gennaro al

Vomerò che ha assicurato pasti e servizi anche in pieno lockdown.

Armando Giuseppe Mandile