“Uno Chef per Amico”: ragazzi autistici ai fornelli

“Uno Chef per Amico”: ragazzi autistici ai fornelli

image_print

#micolorodiblu onlus presenta la seconda edizione della manifestazione pro inserimento lavorativo, che rientra negli eventi collegati alla Giornata mondiale per la consapevolezza sull’Autismo

Ottaviano. A Casale Irfid, lunedì prossimo 16 maggio, dalle ore 20 in poi, luci scintillanti e tante speranze d’inserimento lavorativo per i giovani autistici. Torna con la seconda edizione il gala di beneficenza organizzato dall’associazione Micolorodiblu, presieduta da Marisa Gallucci, con il fondamentale supporto dell’Isis De Medici di Ottaviano. La kermesse s’inserisce tra gli eventi dedicati alla Giornata mondiale per la consapevolezza sull’Autismo e vede protagonisti i ragazzi autistici appassionati di cucina che cucineranno insieme a 20 chef campani.

Verranno dunque proposte ai commensali, deliziose creazioni culinarie preparate con spirito solidale e formativo. Tra i maestri dei forni e dei fornelli che si sono resi disponibili, gli chef pasticcieri Gennaro Langellotti e Tommaso Foglia, già presenti con grande impegno nella passata occasione; inoltre, ci sarà il maestro pizzaiolo Luca Doro.

A valorizzare l’attesa manifestazione, la partecipazione di noti nomi dello spettacolo, come Sal Da Vincie Ciro Corcione; mentre la serata sarà condotta da Nicola Tinto Prudente (“Mica Pizza e Fichi” su La 7).

Il ricavato della seconda edizione di “Uno Chef per Amico”, così come quello delle iniziative in calendario, finalizzate alla sensibilizzazione sulla realtà dell’autismo, saranno impiegati da #micolorodiblu favorire possibilità lavorative appropriate per questi ragazzi, sia nella Fattoria che in altre strutture ricettive della zona, attentamente selezionate.

Con spirito propositivo, la squadra di #micolorodiblu scommette sull’opportunità delle attività ai forni e ai fornelli, certa che siano efficaci – come già dimostrato in varie occasioni – per stimolare la partecipazione e la specializzazione dei ragazzi con disturbo dello spettro autistico e che li aiutino inoltre a impiegate efficacemente le proprie potenzialità. Mettendo a frutto preziose predisposizioni nascoste.

L’Associazione affianca con costanza le famiglie, promuovendo iniziative per creare consapevolezza riguardo la tematica “autismo”.

“Sensibilizzazione e inclusione sono alla base del nostro impegno. Crediamo fermamente in tali opportunità di crescita professionale. Per avviare questo percorso, abbiamo bisogno del sostegno di tutti, in primis delle Istituzioni” – afferma Marisa Gallucci, certa che “questi ragazzi speciali possano intraprendere dei concreti e duraturi progetti lavorativi, che sono alla base di una proficua e autentica integrazione”.

Teresa Lucianelli