Teverola, Arte, moda, musica e… il Premio Eccellenze nell’ambito della rassegna “I bottari di Sant’Antuono e le Tradizioni”

Teverola, Arte, moda, musica e… il Premio Eccellenze nell’ambito della rassegna “I bottari di Sant’Antuono e le Tradizioni”
image_print

Con una sfilata di moda e il Premio Eccellenze, in programma a Teverola sabato 26 settembre, riprende la rassegna “I bottari di Sant’Antuono e le Tradizioni”, che coinvolge sei comuni della provincia di Caserta in un’idea progettuale nata per potenziare eventi consolidati sul territorio e valorizzare le risorse e il patrimonio culturale locale. L’appuntamento con “Arte, moda e musica” è alle ore 20 in un luogo storico della cittadina della piana campana: Palazzo Carafa.

Qui, in passerella sfileranno gli abiti dello stilista Luciano Fiore Couture e le pellicce di Salvatore Fiorentino, ma ci sarà spazio anche per una incursione creativa del maestro d’arte floreale Giuseppe Picca (Pichs) e per gli abiti ispirati a personaggi del mondo del cinema, ideati degli allievi della scuola Don Geremia Piscopo di Arzano sotto la direzione della preside Carmela Ferrara.

Nel corso della serata sarà assegnato inoltre il Premio Eccellenze, destinato a coloro che sul territorio si sono distinti in modo particolare nel sociale e nel mondo della cultura, dello spettacolo e dell’arte. A ricevere il riconoscimento saranno il poliziotto Nicola Barbato, medaglia d’oro al valor civile, rimasto gravemente ferito nel 2015 da un colpo di pistola sparato da un estorsore mentre era in servizio antiracket a Napoli, lo scrittore Armando Pirolli, vincitore del Premio Internazionale “Books for peace” 2020 con il romanzo “Vincere nel silenzio”, l’attrice e cantante Anna Capasso, appena tornata sul mercato discografico con il brano “Bye Bye”, e il maestro d’arte floreale Giuseppe Picca, titolare del noto marchio “Pichs”.

La serata sarà presentata da Anna Paparone, direttrice artistica della kermesse, che da anni porta in giro con successo il brand “È… Moda”, e dal giornalista Lorenzo Crea. Ci saranno anche tre momenti dedicati alla danza, grazie alle performance delle allieve dell’Accademia Flor Dance.
Le modelle che sfileranno in passerella saranno pettinate dagli hair stylist Ciro Paciolla, Luca Paparone e Tony Oliva e truccate da Nicola Acella, Rosalia Vasta e dalla MakeUp Academy di Antonio Riccardo.

« Abbiamo finalmente la possibilità, grazie al progetto ideato assieme ad altri cinque comuni, di valorizzare il nostro territorio – dichiara il sindaco Tommaso Barbato –. Nello specifico viene messo in risalto il Palazzo Carafa dei Conti di Policastro, l’unico edificio storico della città, che va assolutamente recuperato. Non possono andare perduti secoli di storia racchiusi in antiche mura. Per questo abbiamo voluto che la manifestazione di sabato 26 settembre si facesse qui. Ringrazio per l’impegno profuso gli assessori Angela Improta e Mary Improta e il presidente del Consiglio comunale Gennaro Caserta, il vero motore dell’organizzazione».

Il progetto “I bottari di Sant’Antuono e le Tradizioni”, realizzato grazie ai fondi del POC Campania 2014-2020, vede coinvolti i comuni di San Tammaro, San Marco Evangelista, Portico di Caserta, Teverola, Capodrise e San Prisco. Luoghi uniti dal culto per Sant’Antonio Abate, Sant’Antuono appunto, diventato un rito intramontabile che coinvolge ed affascina generazioni su generazioni. L’obiettivo è di creare momenti di condivisione culturale in luoghi identitari e di rilevanza storico-paesaggistica, sebbene non inseriti nei circuiti turistici regionali.