Libri: “A letto col Fantasma” di Ghedina, Venerdì 18 la presentazione a Varcaturo (Na)

Varcaturo (NA). Con “A LETTO COL FANTASMA” torna in libreria Annamaria Ghedina, la Signora dei Fantasmi, scrittrice di successo italiana.

Rappresentante di fama internazionale del “ghost book”, ci propone una trama da brividi per chi ama intrigo e suspence, da leggere tutta da un fiato.. perché non riuscirete a staccarvi prima di avere finito il libro..

NeiI nobile Rudyard vede i fantasmi…

Chi è la misteriosa Jillyan dai capelli ramati che incontra ad una festa e la sua vita ne è stravolta.

E chi è Evalyne, la contessa che ha un amante segreto con il quale consuma i suoi incontri ad alta gradazione erotica in un budoir nascosto dietro una parete occultata nella libreria del suo palazzo maritale, che il nostro giovane aristocratico scopre quando entra a Le Orphelin, “La Torre della Strega” proprietà dei suoi cari amici, che vogliono vendere assolutamente, sulla quale pesa una storia terribile che nessuno vuole rivelare… ?

… una storia terribile… perché..?

Interrogativi inquietanti e stuzzicanti che solleticano curiosità e fantasia, ai quali dà esaurienti risposte la brava “psicoscrittrice ghost. Il lettore inevitabilmente scoprirà la verità, desiderata e temuta, tremenda e al tempo stesso liberatoria, agghiacciante, attraverso un percorso con ingegnosi trabocchetti e colpi di scena, in pieno stile Ghedina.

“A LETTO COL FANTASMA”, il nuovo libro di Lady Ghost per Glemart Editore, viene presentato venerdì prossimo, 18 settembre, alle ore 19,00, a La Libreria, in via Ripuaria, 203, Varcaturo (provincia di Napoli) di Livia De Maio Pironti e Francesco Gambardella.

Intervengono con l’autrice Anna Maria Ghedina, Angela Feluca, che introdurrà l’evento, il prof. Antonio D’Addio, relatore, e l’editrice Rossana Trinchillo.

Un appuntamento da non perdere, dunque, per gli appassionati del “ghost book” di qualità superiore, del quale Annamaria Ghedina è tra le poi importanti rappresentanti a livello internazionale, ai vertici in Italia.

La Signora dei Fantasmi, saprà ancora a conquistare nuovi fans del suo stile inconfondibile, con questo suo nuovo libro, ultimo in ordine di tempo, al quale ne seguiranno tanti altri, sicuramente, egualmente coinvolgenti, scorrevoli, interessanti come i precedenti, tutti di successo, tutti da leggere e rileggere con estremo piacere.. e con un pizzico di appropriata paura.

Armando Giuseppe Mandile




Libri: “Il Signore di Notte” di Gustavo Vitali

L’autore – Gustavo Vitali

Il Signore di Notte: caccia all’assassino nella Venezia dei dogi Venezia, 16 aprile 1605. Viene rinvenuto nella sua modesta dimora il cadavere di un nobile caduto in miseria, primo delitto di un giallo fitto fitto che ha come sfondo la Venezia alle soglie del Barocco.

Sul luogo si precipita il protagonista del racconto, Francesco Barbarigo. Come “Il Signore di Notte”, dà il titolo al racconto e richiama espressamente la magistratura incaricata dell’ordine pubblico, sei giudici e insieme capi della polizia. Si tratta di una persona realmente vissuta ai tempi così come i principali personaggi della storia che, al contrario, è di pura invenzione. Questo particolare ha comportato un copioso lavoro di ricerca come documentato nella bibliografia del libro.

È solo il primo dei delitti che affiorano in una trama intensa ed intrigante. Sono coinvolte le figure più varie, da quelle di primo piano, a quelle defilate nei contorni. L’autore apre così un’ampia carrellata su aristocratici ricconi e quelli che vivacchiano malamente, mercanti, usurai, bari, prostitute e altri. Nella vicenda tutti recitano i rispettivi ruoli e la contestualizzano in quella società veneziana che si era appena lasciata alle spalle un secolo di splendore per infilarsi in un lento declino. Compaiono anche personaggi sgradevoli, come i “bravi”, perché il tempo del declino è anche il loro, accomunati agli sgherri da una violenza sordida e sopraffattrice.

Sempre nell’ottica di addentrare il libro nella sua epoca, ecco l’aggiunta di brevi divagazioni su curiosità, usi e costumi, aneddoti, fatti e fatterelli. Costituiscono un bagaglio di informazioni sulla storia della Serenissima, senza interrompere la narrazione e senza che gli attori si defilino da questa.

Un discorso a parte merita la figura del protagonista. Se qualcuno spera nello stereotipo dell’eroe positivo, resterà deluso. Il Barbarigo è un uomo contorto che affronta le indagini con una superficialità pari solo alla sua spocchia. Vorrebbe passare come chi sa il fatto suo, spargere sicurezza, ma nel suo intimo covano ansie e antichi dolori. Non sa come cavarsi dagli impicci, cambia idea e umore da un momento all’altro, insegue ipotesi stravaganti e indaga su persone del tutto estranee al delitto. Il linguaggio è spiccio, crudo, spesso beffardo e dissacratorio, mette in ridicolo difetti e difettucci del protagonista e insieme quelli della società del tempo.

Sull’onda dell’improvvisazione e di una acclarata incapacità non si fa mancare nulla, nemmeno una relazione disinvolta, o quella che lui vorrebbe tale, con una dama tanto bella, quanto indecifrabile. Non capisce nulla neppure di questo strambo amore che gli causa presto nuovi turbamenti.

Cosicché nelle indagini, come pure nel letto, finisce con il collezionare una serie di disfatte clamorose fino a quando in suo aiuto accorre un capitano delle guardie che ha tutta l’esperienza e l’astuzia che mancano al magistrato. Tuttavia i due dovranno faticare ancora un bel pezzo per scrivere la parola fine a tutto il giallo che nel frattempo si è infittito di colpi di scena, agguati e delitti, compresi quelli che riemergono dal passato. Il finale sarà inaspettato e sorprendente.

 




Un video per ricordare lo sgombero del Rione Terra di Pozzuoli sul canale Youtube di “Lux In Fabula”

I volumi dedicati allo sgombero del Rione Terra – Vincenzo D’Amico editore

Sì doveva presentare sabato 29 febbraio 2020 a Palazzo Migliaresi, il libro “Pozzuoli 1970-2020 A cinquant’anni dallo sgombero del Rione Terra”, all’interno di una manifestazione ricca di iniziative nata proprio per ricordare quel tragico momento storico che stravolse completamente l’identità dell’antico quartiere puteolano. A fermare la manifestazione un evento inaspettato, l’epidemia di Covid-19, diffusasi nei mesi scorsi, che ha bloccato tutte le attività pubbliche. In attesa di tempi migliori e con l’obiettivo di riproporre dal vivo la manifestazione programmata, i sodalizi promotori dell’evento, associazione culturale“Lux in Fabula”, Parco Archeologico dei Campi Flegrei, Osservatorio Vesuviano – INGV, University College of London, New York University, WAVE:SPICE– Warning and Alerts during Volcanic Emergencies e Scientific Practice Informed by Community Experience, associazione culturale “Le ali di Dedalo” ONLUS, Dialogos Comunicazione, New Media Press, Vincenzo D’Amico Editore e Gesfor Srl, con il patrocinio morale del Comune di Pozzuoli, hanno deciso di pubblicare online un documentario per ricordare quei concitati “attimi” del marzo 1970. Da giovedì 2 luglio 2020 sarà infatti visibile sul canale Youtube di “Lux in Fabula” un video prodotto e realizzato dalla stessa associazione culturale al fine di ricordare quei fatidici momenti e di ripercorrere la storia della città di Pozzuoli e della sua “rocca”. Nel documentario è presente il contributo, attraverso opere significative ispirate al Rione Terra, dei seguenti artisti: Vincenzo Aulitto, Nino Caruso, Nunzio Figliolini, Mario Fiori, Antonio Isabettini, Jenzia Burgos, Luigi Guarino, Veronica Longo, Enzo Neri, Lucio Statti, Maria Sabetti, Fernando Pisacane, O-Ring Art Studio, Claudio Correale e il gruppo musicale AfterSat per la colonna sonora.

Iniziativa contro il sistema della camorra

In copertina il Rione Terra di Pozzuoli

(Foto repertorio New Media Press)

 




Libri: La ragazza della neve di Pam Jenoff

Per mesi tra i bestseller del New York Times

Noa ha sedici anni ed è stata cacciata di casa quando i genitori hanno scoperto che è rimasta incinta dopo una notte passata con un soldato nazista. Rifugiatasi in una struttura per ragazze madri, viene però costretta a rinunciare al figlio appena nato. Sola e senza mezzi trova ospitalità in una piccola stazione ferroviaria, dove lavora come inserviente per guadagnarsi da vivere. Un giorno Noa scopre un carro merci dove sono stipate decine di bambini ebrei destinati a un campo di concentramento e non può fare a meno di ricordare suo figlio. È un attimo che cambierà il corso della sua vita: senza pensare alle conseguenze di quel gesto, prende uno dei neonati e fugge nella notte fredda. Dopo ore di cammino in mezzo ai boschi Noa e il piccolo, stremati, vengono accolti in un circo tedesco, ma potranno rimanere a una condizione: Noa dovrà imparare a volteggiare sul trapezio, sotto la guida della misteriosa Astrid. In alto, sopra la folla, Noa e Astrid dovranno imparare a fidarsi l’una dell’altra, a costo della loro stessa vita.

ISBN: 9788822707727
Pagine: 352
Newton Compton editori

Pubblicato in 12 Paesi

Disponibile su Amazon