Spaghetti italiani compie 18 anni

image_print

Diciottesimo compleanno per spaghettitaliani.com all’insegna dell’evoluzione, contro la mediocrità imperante che tutto fagocita e con occhio puntato sull’esigenza primaria di esprimere qualcosa di nuovo, anche in linea con le esigenze e le aspettative degli usufruitori di internet, sempre maggiormente esigenti. Continuare ad essere tra u preferiti del popolo del web, va interpretato come un segnale di qualità e di modernità per spaghettitaliani “anche se non ci si può mai adagiarsi sugli allori, visto che basta poco per cambiare tendenza e perdere in un attimo credibilità e audience, che sono sempre in bilico, se non si dà sempre qualcosa di nuovo e di moderno, sia nei contenuti, ma anche e soprattutto nel look” – spiega Luigi Farina ideatore e realizzatore di spaghettitaliani.com . Nel mondo virtuale, dove si affermano nuovi comportamenti e nuove figure, come “gli influencer che dettano legge e assorbono molto di quell’audience che fino a qualche anno fa era esclusivo appannaggio dei siti internet”, per riuscire a non sprofondare ci si deve affiancare di soggetti in grado di poter offrire una conoscenza specifica, per curare nel migliore dei modi le tante sfaccettature che sono presenti e caratterizzano un progetto legato al mondo internet.“Si deve creare quella squadra in cui i suoi componenti, amalgamandosi fra di loro, possano determinare la scalata della classifica ambendo ai primi posti – continua Farina. Tornando a spaghettitaliani.com che ha dunque un’esperienza di 18 anni, tutt’ora sulla cresta dell’onda grazie al gradimento della rete, vanno ricordati i risultati ottenuti, e di pari passo devono essere ricercati nuovi sviluppi. Bisogna inoltre individuare ciò che i suoi visitatori cercano nelle sue pagine. Per raggiungere questo risultato, vanno abbandonate strade scelte in passato, affrontando anche la rivoluzione parziale o totale, andando sempre alla ricerca del bello e del buono.“Noi abbiamo percorso sempre questa strada, ed almeno in questo vogliamo rimanere fedeli al passato e continuare a percorrerla, raccontando la nostra, anche se personale, storia di quello che incontriamo lungo il nostro cammino” – sottolinea Luigi Farina che annuncia un’operazione in atto quasi radicale, “che determinerà alcuni cambiamenti di rotta, dettati dagli orientamenti della rete, fermo restando che la via da noi percorsa fino adesso rimarrà sempre attiva parallelamente, e quindi sarà sempre percorribile da chi vorrà continuare a seguirla”. “La nuova strada che percorreremo metterà al centro di tutto il Made in Italy con le sue innumerevoli varianti regionali, ribaltando le forze in campo, infatti non saranno più le notizie che avranno la prima pagina, ma i prodotti di qualità visti e sviscerati con tutti i possibili approfondimenti che metteremo in gioco come articoli, ricette, etichette, interviste, filmati, organizzazioni eventi, fino ad arrivare alla possibilità anche di acquistarli a km 0” – precisa ed aggiunge: “Ogni prodotto avrà una sua vita propria, con la possibilità per chi ci seguirà di ricercare agevolmente in archivio i suoi preferiti, diventando anche protagonista con l’inserimento dei propri contributi che raccontano i prodotti di proprio interesse. Per effettuare questa operazione sarà essenziale l’intervento attivo di quelle aziende produttrici che vorranno percorrere con noi questa strada, presentando i loro prodotti e dandoci la possibilità di conoscerli al meglio”. A tutti questo, si aggiunge una nuova veste più attuale, di facile comprensione e di semplice utilizzo.

Teresa Lucianelli