Sanremo 70esima senza veli

Sanremo 70esima senza veli

image_print

Appena calmata la bagarre della proclamazione, il Festival di Sanremo 2020, condotto da Amadeus e soprattutto da Rosario Fiorello che si afferma autentico vincitore della 70esima edizione, strappa qualche inevitabile precisazione e tante critiche da ogni dove, come di prassi. E pure dei riconoscimenti dovuti da statistiche.
60,6% di share: ufficialmente risultato top che non veniva raggiunto dal 2002, con la fortunata e indovinata conduzione di Pippo Baudo, con Manuela Arcuri e Vittoria Belvedere.
Ma la maggiore attenzione da parte del pubblico c’è stata alle 21.45 con 15.367.000 telespettatori durante l’esibizione di Irene Grandi che si è dovuta accontentare di un piazzamento inferiore si suoi meriti.

Ad aggiudicarsi la vittoria, è il tarantino Diodato con “Fai rumore”. Ha prevalso su Francesco Gabbani – tra i favoriti – con il suo “Viceversa”; terza posizione per i Pinguini Tattici Nucleari con “Ringo Starr”.
Ben 11.477.000 telespettatori con il 60,6% di share.
Fiorello, mattatore assoluto e autentico protagonista, Amadeus il conduttore. Nonostante tanti imprevisti,polemiche e tentati sabotaggi, il l Festival proposto, sfacciatamente nazionalpopolare, è stato un successo, pur con tante pecche e polveroni giganteschi.
Coinvolgente grazie soprattutto al siculo showman. Scivolata con recupero immediato per il caso Ferro.

Molte polemiche scatenate da Sky: ha spoilerato la vittoria di Diodato più di mezz’ora prima dell’annuncio della classifica: il nome del vincitore l’hanno visto una quantità esagerata di persone. E poi viene confermato nella classifica ufficiale. Di qui incessanti interrogativi e
attacchi vari iniziando dai giornalisti, per il protrarsi effettivamente eccessivo delle serate, che ha fatti risentire anche gran parte del pubblico,,costretto come gli addetti a settore a orari assurdi.

Scarsa presenza femminile. Non rende il ritorno all’Ariston per la finale di Leotta, Salerno e Novello. meglio la professionale Clerici e Jebreal, meglio ancora sarebbe stato avere delle donne di calibro mentale più che fisici (naturale o rifatto che sia). Inysnto, già si parla di bis.

L’edizione 2020 surclassa il Baglioni bis in termini di numeri: la finale dello scorso anno (9 febbraio), aveva riscosso in media 10.622.000 telespettatori con il 56,5% di share.

Diodato vince con Fai Rumore e il Festival funziona comunque. Fiorello, colonna centrale dell’audience: il direttore di Rai1 Coletta, giorni fa lo ha “promosso a vita a Sanremo” ma il diretto interessato ha cautamente frenato. Meno sbilanciato sul nome di Amadeus, anche se da indiscrezioni, il bis per Amdeus sarebbe molto probabile.

Alle 2.29 la proclamazione del vincitore, Diodato, giunge quando alle 2,29 a pubblico quasi addormentato.. sicuramente estenuato.
Quattro minuti prima l’annuncio dei vari premi, dopo un’infinità è inopportuna sequela di ospiti: a Diodato con Fai Rumore il premio della critica Mia Martini assegnato dalla sala stampa roof dell’Ariston e anche il premio Lucio Dalla assegnato dalla sala stampa radio-tv-web del Palafiori.
Il premio Sergio Bardotti per il miglior testo, viene assegnato dalla commissione musicale a Rancore con Eden; il premio Giancarlo Bigazzi per la miglior composizione musicale va a Tosca con Ho amato tutto. Il premio Tim Music a Francesco Gabbani per Viceversa, la canzone più ascoltata sull’app musicale.

Da notare che alle 2.06 era stata comunicata la terza posizione, dei Pinguini Tattici Nucleari con Ringo Starr, mentre erano roventi le polemiche anche feroci, in sala stampa e altrove – praticamente ovunque – perché all’1.55 uno spoiler da parte di SkyTg24 all-news annuncia attraverso un crawl, con netto anticipo sui dati ufficiali, la vittoria di Diodato.

Va ricordato tra le note della serata conclusiva, l’omaggio di Amadeus a Fiorello con standing ovation per lui, la prima a Sanremo“, con grande abbraccio: “Non sarebbe stato così se non ci fosse stato tutte le sere, con me, il mio amico da 35 anni, colui che ha illuminato il Festival di Sanremo, Rosario Fiorello” – esclama il conduttore.
Seguono auto-tune e battute varie per ultimare la votazione delle giurie. Tra esse l’ autoironia sul numero ridotto degli spettatori a quell’ora, ma non serve a recuperare lo sforamento assurdo.
“Secondo me Cristiano Ronaldo non verrà mai più. Gli hai portato una sfiga…” – ridacchiano Fiore e Amadeus. Più giù con battute su Bugo e Morgan. Fiore fa il verso: “Erano meravigliosi”. E passano a ballare un lento d’altri tempi che portano sulla scena ironicamente.
Intanto, impazzano le critiche per la classifica finale annunciata all’1,30 soltanto fino al quarto posto: Riki ultimo, Junior Cally penultimo nonostante il suo azzeccato inno contro il populismo, Elettra Lamborghini al 21’ posto – già ampiamente investita di audience anche per Sanremo – al 20’ posto Giordana Angi, Enrico Nigiotti 19’. 18’ Michele Zarrillo, nonostante una bella interpretazione e pure una interessante canzone, Rita Pavone 17’: la platea si lamenta considerevolmente e pure parte dei giornalisti. Paolo Jannacci 16’ con il suo bel testo, Marco Masini 15’, Alberto Urso 14’, Anastasio 13’, eppure non si può negare che la sua dia stata una gran bella interpretazione. Levante 12’, Raphael Gualazzi 11’ con la sua strepitosa Carioca, tra le più belle del 70’ Festival dal punto di vista musicale, destinata a riscuotere ben altre affermazioni. Rancore al 10’, ma ci si aspettava sicuramente una posizione più alta. Brava Irene Grandi, seguitissima da casa, si ferma al 9’. Avara ottava posizione pervAchille Lauro, sicuramente più meritevole.. e giù giustificati fischi di protesta in sala. Viene giudicato decisamente ingiusto il risultato rispetto all’ interpretazione di un cantante e showman davvero bravo, che ha dimostrato ancora una volta le sue grandi capacità, purtroppo non adeguatamente apprezzate né premiate come sarebbe stato giusto.
Al 7’ Elodie, Tosca 6’. Si susseguono
forti proteste per il 5’ posto di Piero Pelù, con la sua splendida “Gigante”, forte e coinvolgente, dal ritmo irresistibile, che per molti avrebbe potuto e dovuto vincere.
La delusione del pubblico dell’Ariston è notevole e ancora aumenta quando viene annunciato il quarta posto per le Vibrazioni con Dov’è. Fischi r ancora fischi per l’esclusione dalla triade in cui figurano Diodato, Gabbani e Pinguini con graduatoria da definirsi.

Tra gli exploit quello di Elettra Lamborghini che tiene fede alla promessa fatta: “Stasera voglio fare alzare i parrucchini dell’Ariston con il twerk“. E di scatena col direttore d’orchestra che sale sul palco e le è accanto proprio quando gli occhi di tutto il pubblico in teatro e presumibilmente anche a casa, sono puntati sul suo fondoschiena rafforzato. Eppure, ecco l’imprevisto e il suo vestito si sposta: sembra uscire il capezzolo.. e la situazione spinge la vulcanica Elettra ad assumere un’espressione incredibile.. Poi ci scherzerà, su, ricordando con una frase della sua canzone: “non doveva scomparire”…. Possiamo affermare che tra ritmo facile, notorietà sui social, efficace comunicazione e colpi di fondischiena, il Festival lo ha vinto a modo suo, con molta praticità e risultati che non si faranno attendere.
Ancora un bravo di merito a Leo Gassman che si è affermato al primo posto tra i giovani ovvero le nuove proposte, con una bella canzone ben interpretata “Vai bene così”.. bel testo, bene la musica, decisamente bravo lui. E pure modesto e simpatico, il che non guasta! Tanti auguri e tanto successo!

Teresa Lucianelli