Romeo e Giulietta all’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere

Romeo e Giulietta all’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere
image_print
All’Arena Spartacus il viaggio itinerante del Demiurgo per celebrare in Italia il 14′ anniversario della scomparsa di Shakespeare

Quale anteprima della seconda edizione del Festival della Letteratura “I am Spartacus”, nell’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere va in scena la innovativa versione ‘interattiva’ di “Romeo e Giulietta”, ideata e prodotta da “Il Demiurgo”. Dopo i due spettacoli  di sabato, altri due appuntamenti sono in programma per oggi, domenica 18 settembre (due repliche al giorno alle 19 e alle 21; programma completo su www.ildemiurgo.it).
“Il nostro “Romeo e Giulietta” è stato progettato e realizzato in maniera originale e interattiva: coinvolge il pubblico in una dimensione altra, catapultandolo nelle vicende dei Montecchi e dei Capuleti, portandolo a vivere in prima persona la faida che insanguinava la Verona cantata dalla penna del Bardo immortale  – spiega Francescoantonio Napppi, fondatore de “Il Demiurgo” – Gli spettatori possono muoversi con i personaggi creati da Shakespeare, danzare con loro e seguirne le alterne vicende in prima persona”.
Un omaggio al teatro di Shakespeare, realizzato con grande attenzione al linguaggio e allo sviluppo dei personaggi, oltre 400 anni dopo, ideato e realizzato da Emilia Esposito, con la regia di Franco Nappi. Da sottolineare la presenza del soprano Ester Esposito (tre minuti di applausi alla Reggia di Caserta), del violoncellista Luigi Visco e del flautista Antonio Ferraro, scenografia di Filomena Mazzocca, costumi di scena di Monica Fiorito per “Artinà”. L’allestimento per l’Anfiteatro Campano è di Men at work; consulenza artistica per la coreografia dei duelli del maestro Marco De Filippo in collaborazione con la compagnia d’Arme “La Rosa e la Spada”. Nel cast: Romeo e Giulietta sono interpretati da Alessandro Balletta, dal Teatro Stabile di Napoli, e Roberta Astuti, allieva di Carlo Cerciello nella Scuola teatrale dell’Elicantropo. Nel ruolo di Mercuzio, Andrea Cioffi, della compagnia teatrale Elledieffe, fondata da Luca De Filippo; nel ruolo di Tebaldo, Massimo Polito, della Scuola teatrale di Nando Paone. A dare corpo e voce a Benvolio e Paride: Luigi Credendino e Ivan Graziano, mentre Angelica sarà interpretata da Nuvoletta Lucarelli e Frate Lorenzo da Roberto Ingenito. Inoltre c’è Daniele Acerra, Salvatore Grasso, Ferdinando Nappi e Marina Andeloro. Poi la presenza di Nello Provenzano (padre Capuleti),  già Tiresia ne “Il viaggio nell’ade di Ulisse” alle Grotte di Pertosa .
Il pubblico verrà coinvolto nella genesi creativa dell’opera, accompagnato dalla presenza narrante in scena di William Shakespeare, interpretato da Franco Nappi.
Un intenso programma di attività per “Romeo e Giulietta”. C’è pure l’occasione per visitare e scoprire l’intero patrimonio storico-artistico del circuito archeologico dell’antica Capua, ribattezzato come “l’altera Roma” da Cicerone. La visita all’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere, il secondo anfiteatro italiano in ordine di grandezza dopo il Colosseo, innalzato tra la fine del I e gli inizi del II secolo d.C. Ad esso è legata la storia leggendaria di Spartacus, schiavo tracio nell’Anfiteatro dell’antica Capua diede inizio alla prima rivoluzione (celebre film di Stanley Kubrick: Spartacus, Usa 1960, poi serie televisiva americana).
Oggi l’Anfiteatro sarà visitabile dalle 9 alle 18. Acquistando il biglietto d’ingresso al costo di 2,50 euro si accede all’intero circuito archeologico dell’Antica Capua che comprende anche Museo Archeologico, Mitreo e Museo Gladiatori (info su www.cir.campania.beniculturali.it).
All’Anfiteatro Campano c’è anche il primo progetto italiano di valorizzazione di un sito archeologico attraverso dei servizi di ristorazione biologica e biodinamica. Inaugurata nel Giugno 2013 l’Arena Spartacus è gestita dal gruppo Amico Bio, (coltivazioni biologiche a tavola con le carni pregiate di maialino nero casertano, i vini di produzione biodinamica e una pizzeria con prodotti dop).

Teresa Lucianelli