Prorogata la Mostra “I Pionieri dell’archeologia subacquea” al Castello di Baia

Prorogata la Mostra “I Pionieri dell’archeologia subacquea” al Castello di Baia

image_print

È stata prorogata fino al 9 marzo 2020, “I pionieri dell’archeologia subacquea nell’area Flegrea ed in Sicilia”, mostra fotografica allestita e curata da Teichosarcheologia. La mostra, all’interno del Castello Aragonese di Baia, era stata inaugurata il 24 maggio del 2019 come una preview che anticipava, essendone complemento necessario, il progetto “Thalassa. Meraviglie dei Mari della Magna Grecia e del Mediterraneo”, mostra inaugurata al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il 12 dicembre scorso.
Proprio in occasione di questa proroga si rafforza la collaborazione tra Campi Flegrei e MANN con una promozione congiunta che prevede l’applicazione di una scontistica sul biglietto di ingresso ai due istituti culturali. Nel dettaglio le tariffe speciali, offerte fino al 16 marzo prossimo, saranno le seguenti:
– Il MANN applicherà lo sconto di due euro sul biglietto intero a tutti coloro che in biglietteria presenteranno il ticket di ingresso ad uno dei siti del circuito flegreo o la myfleg card (l’abbonamento annuale del Parco Archeologico)
– Il Parco Archeologico dei Campi Flegrei invece, concederà la tariffa agevolata sia sul biglietto singolo (2 euro anziché 4 euro) sia su quello integrato (4 euro anziché 8 euro) a tutti coloro che alle biglietterie dei siti presenteranno il ticket del Mann o l’abbonamento annuale OpenMann
L’occasione è preziosa per rivivere l’esposizione della mostra “I pionieri dell’archeologia subacquea nell’area Flegrea ed in Sicilia”, nelle sale museali del Castello di Baia, che racconta la stagione di nascita dell’archeologia subacquea in Italia, dagli anni ’50, quelli delle prime fasi pionieristiche, contrassegnati dalle grandi scoperte che hanno dato impulso alla ricerca scientifica in questo campo e alla relativa applicazione delle tecnologie piu? avanzate, fino a giungere alla costituzione della Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana da parte di Sebastiano Tusa.
La mostra è un racconto fatto di documenti d’archivio, foto d’epoca e lettere dei protagonisti della ricerca subacquea, provenienti dagli archivi del MiBACT, da Istituti specializzati, da archivi privati, dalle Soprintendenze della Regione Siciliana. Attraverso il materiale multimediali, il visitatore viene accompagnato in una realta? virtuale immersiva, per un’esperienza unica ed evocativa.
Contestualmente alla proroga, nell’ambito del programma “Il Parco della Scuola”, verranno proposti dei laboratori didattici gratuiti sul tema del mare a cura dei funzionari del Parco Archeologico. L’iniziativa è rivolta a studenti della scuola primaria e secondaria. I laboratori saranno costruiti attraverso l’attività pratica e il gioco, per condividere l’esperienza educativa con curiosità e creatività. Per maggiori informazioni è possibile inviare una mail al seguente indirizzo: pa-fleg.comunicazione@beniculturali.it