Premio San Giustino Russolillo 2021: i vincitori

Premio San Giustino Russolillo 2021: i vincitori

image_print

Napoli. Tutto come da programma, ovvero nel migliore dei modi, alla cerimonia finale del Premio letterario “Don Giustino Russolillo” giunto alla sua per la IV edizione. La premiazione si è infatti tenuta con ampio riscontro dei media e partecipazione dei presenti ammessi a numero limitato, nella Casa Madre delle Suore Vocazioniste (Corso Duca D’Aosta, 22) a Napoli.

Indetto dall’Associazione della Stampa campana “Giornalisti flegrei”, il premio è rivolto ad alunni e studenti delle scuole pubbliche e private, di ogni ordine e grado, presenti sul territorio del Comune di Napoli

e delle regioni d’Italia e degli altri Paesi dove sono presenti le Congregazioni di Don Giustino Russolillo; quindi: Africa, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Ecuador, Filippine, Francia, India, Indonesia, Madagascar, Nigeria, Regno Unito, Stati Uniti d’America, Sud Vietnam.

I premiati.

Per la sezione Carta Stampata, si è classificato primo l’ISIS Quarto “Rita Levi Montalcini”, con Angela Cavallo, Giusy Mercurio, Eleonora Visconti, Federico Tschabold; secondo, Lorenzo Ravo della Scuola Madre Russolillo. Poi, l’ICS “Ferdinando Russo” con Beatrice Brancaccio, Giorgio Di Gennaro, Giorgia Cartaciano. Per la sezione Poesia, primo classificato Mariano Cuciniello (III C Istituto Comprensivo 72° Palasciano); secondo classificato Kevin Marfella (IV Scuola Madre Russolillo); e terzo classificato Beatrice Siciliano (IV Scuola Madre Russolillo). Il premio speciale WEB è andato all’Istituto Paritario “Domenico Padula”; il premio speciale Video, all’Istituto Comprensivo “Giovanni Falcone”.

Riconoscimenti speciali sono andati ad Enrico Carandente, della Scuola Madre Russolillo, per la sua “Stanza del Cielo”; e all’Istituto “Ferdinando Russo” per “I Santi” di Antonio Russo, Matteo Balsamo, Gennaro Avolio, Davide Morradi, Dayane Anoua, Andrea Izzo.

Ad apertura della cerimonia, Alessandra Clemente, assessore al patrimonio, ai lavori pubblici e ai giovani, del Comune di Napoli, ha portato il saluto istituzionale

La manifestazione è stata organizzata in perfetta sicurezza, nell’assoluto rispetto delle norme per l’emergenza sanitaria da Covid19. alla Presenti le Forze dell’Ordine; in particolare: Associazione Carabinieri, sezione Pianura; maresciallo Mario Barionovi, comandante stazione Carabinieri Pianura; comandante Vigili Urbani di Pianura Soccavo, capitano Luigi Guarino; vice questore Arturo De Leone e ispettore superiore Ernesto Lepre, Commissariato di Pianura.

Sono stati particolarmente impegnati nell’organizzazione del premio: Ciro Di Lauro, Isa Clelia Federico, Amalia Giacobbe, Luana e Manuela Padula, e Suor Teresa Soria, e con essi dei docenti che hanno lavorato anche in dad. La riuscita iniziativa, alla quarta edizione, rappresenta il comune sforzo di un intero territorio verso i più piccoli, nel nome di una figura carismatica e positiva quale è quella di Don Giustino, iscritto all’albo dei Santi da Papa Francesco, lunedì 3 maggio, nel corso dell’ultimo Concistoro ordinario pubblico.

“In attesa della data della canonizzazione, celebriamo l’opera di quest’uomo mite, che ai più piccoli, proprio alla pagliarella, ha dedicato la sua missione – afferma Don Ciro Sarnataro, vicario generale della SDV – Un gesto di autentico impegno sociale che la Società Divine Vocazioni porta avanti fin dalla fondazione, avvenuta ad opera di Don Giustino ormai 100 anni fa”.

“Il lavoro di questi ragazzi è la speranza verso un futuro d’amore, e di costruzione” – evidenzia Suor Chiara Vitale. Mente, con energia carioca, il padre generale, Don Antonio Rafael Do Nascimento aggiunge: “perché è nei fatti, ogni giorno, che si rafforza la Parola”.

“Siamo riusciti a realizzare la cerimonia di premiazione. Gli studenti lo meritano e noi abbiamo voluto premiare anche il loro entusiasmo.” – ha affermato il presidente dall’associazione della Stampa campana “Giornalisti flegrei”, Claudio Ciotola che ha concluso ricordando: “l’appuntamento è finalmente con Don Giustino Santo, per la V edizione”.

Armando Giuseppe Mandile