Le albicocche del Vesuvio ed i pomodorini del “piennolo” trionfano in Costiera

Le albicocche del Vesuvio ed i pomodorini del “piennolo” trionfano in Costiera
image_print

pomodorini_piennolo_vesuvioLe proprietà nutrizionali delle specialità agroalimentari vesuviane al centro di una serie di incontri sul mangiar sano e sugli alimenti che aiutano ad affrontare il caldo estivo

Eventi di rilievo che sono in corso di svolgimento sulla Penisola Sorrentina ed in Costiera Amalfitana dedicati all’eccellenza dei prodotti agroalimentari tipici vesuviani.
Protagonisti l’albicocca nelle sue varietà tipiche ed il famoso pomodorino del piennolo, caratterizzato dall’inconfondibile “pizzo”, squisitezze per palati raffinati, che conquistano tutti con il loro sapore vincente. Gli eventi sono promossi dagli agricoltori dell’Agrimercato di Campagna Amica di Napoli e della sua Provincia.
Grande successo per la serata dedicata ai due prodotti tipici dei “Sapori Vesuviani”, al Fornillo di Positano, che ha arricchito la sua già ricca e variegata offerta gastronomica di gustose tipicità locali anche con questi prelibati sapori e le inconfondibili emozioni olfattive donate dalla terra vulcanica e dai venti che vengono dal mare.
È stata promossa una degustazione – la prima di una serie di incontri estivi che si terranno al Fornillo, dedicati alle tipicità agroalimentari della zona del Vesuvio e della Costiera – nel noto ritrovo enogastronomico dei fratelli Fusaro, creato dal patron Rino, con le tre sorelle Rosaria, direttrice dell’accogliente location, Margherita che cura le relazioni con il pubblico e Pina l’organizzazione. Colonne portanti di una affermata realtà ristorativa che si distingue per qualità e tutela dei fondamenti della tradizione, in un’ottica di appropriata innovazione, mai azzardata.
Il Fornillo rappresenta un preciso riferimento in ambito costiero per la promozione della cultura dell’agroalimentare di qualità top, con la sua offerta selezionata e garantita, oltre che una meta da sempre preferita dai buongustai della zona e dai tanti turisti che amano mangiar bene,
La serata, particolarmente riuscita, ideata dalla giornalista specializzata anche in campo eno-gastronomico Teresa Lucianelli,  è stata dedicata ai prelibati prodotti della Terra del Vesuvio, albicocche e pomodorini “pizzuti” del piennolo e Falanghina spumantizzata Ercolaneum. Il giornalista Nicola Rivieccio ha spiegato ai presenti la storia e le caratteristiche dei prodotti offerti insieme al collega Armando Giuseppe Mandile che ha fatto da supporter nella comunicazione rivolta al pubblico straniero. Hanno partecipato rappresentanti dei Media ed enogastronomi, cultori del buon bere e del buon mangiare, come la blogger Dora Chiariello, il chirurgo e medico estetico Maurizio Fraticelli, gli imprenditori Pasquale imperato, Aniello e Domenico Sannino dell’Azienda vinicola Sannino e Luigi Carfora dell’Antica Tradizione Carfora, il modello
Vincenzo Cannata, l’esperta in vintage Beatrice Carro di Les Coquettes, il disegnatore di fumetti Stefano Mandolese, “padre” di Paperpila, la pittrice Luminita Irimia.
Ampi consensi pure per il “Pomeriggio vesuviano” che si è svolto alla Marina di Aequa. Il Chicchi Beach della famiglia Savarese ha ospitato un partecipato evento dedicato alle tipiche genuinità vesuviane: eccellenti  albicocche e la squisita parmigiana di melanzane – considerata da molti la migliore della zona – “firmata” da Antonella Savarese secondo la ricetta locale, col squisito fiordilatte di Vico Equense, a base di latte fresco ed olio extravergine di oliva dei Colli vicani. Una prelibatezza per genuinità e sapore e per potere nutritivo. Gradimento alto da parte dei numerosi avventori che hanno degustato con grande appreezzanento, ai quali sono state spiegate da Nicola Rivieccio le proprietà di ciascun prodotto, alla luce di una sana e corretta alimentazione.
Questa sera, a Sorrento, si continua con un altro appuntamento clou con il gelato all’albicocca vesuviana preparato dal maestro Antonio Cafiero della famosa gelateria Primavera. L’evento fa seguito all’an plein di presenze per il premio Agnes che ha visto a Sorrento i massimi esponenti della Rai, tra i quali Bruno Vespa, protagonisti dell'” apricot ice cream Party” sempre a base di albicocche del Vesuvio.
Nei prossimi giorni, in data da definire, Apricot Party da anche da Cerase al Monumento, nel cuore di Vico Equense. Una riuscita testimonianza del buon mangiare, curata da Michele Cuomo, patron del famoso “Pizza a Vico” manifestazione della quale si attende il bis, che ha riscosso il boom di presenze ed un successo superiore a qualsiasi aspettativa, già alla sua prima edizione. Abbinata alle “crisommole vesuviane” Michele proporrà la sua in confondibile “Vesuvio”: pizza a metro profumata dal pistacchio e dalla scorzetta di limone della Costiera. Una vegetariana, molto apprezzata, tra le offerte top della vasta carta delle pizze oltre che ristorativa di Cerase, con tipicità gastronomiche di terra e di mare, squisitamente locali, interpretate in maniera personalizzata.
“Stiamo presentando, per diffonderne la cultura, le varietà, fra le più rappresentative delle circa cento che si sono caratterizzate sul Vesuvio dalla originaria Prunus Armeniaca portata qui da Romani: la Vitillo, la Portici e la Pellecchiella – spiega Nicoka Rivieccio – L’iniziativa si inserisce nell’ottica di attivare crescita e benessere socio-economico sostenibile, usando come volano la stretta integrazione delle risorse ambientali, paesaggistiche, storico-monumentali, agroalimentari e turistiche”.
Le albicocche vesuviane sono ricche di potassio e betacarotene e sono ideali per la reidratazione salina: un toccasana per affrontare il caldo estivo in salute.

Teresa Lucianelli