“La musica è finita”, al Metropolitan in anteprima

TotemGO

image_print
Napoli. Napoli. Anteprima al cinema Metropolitan, martedì 7 maggio alle ore 20, di “La musica è finita”, il corto indipendente firmato dal regista Vincenzo Pirozzi.
Interpreti: Anna Capasso, Ivan Castiglione, Miriam Candurro, Stefania De Francesco, Simona Capozzi, Antonio D’Aquino.
Nella troupe, il direttore della fotografia Francesco Morra, lo scenografo Giovanni Sanniola, la costumista Melissa Piro, il truccatore Luciano Carino, il fotografo di scena Mario Occhiobuono.
L’audiovisivo vede dunque la regia di Vincenzo Pirozzi, già aiuto e assistente alla regia di nomi prestigiosi del settore, quali Pasquale Squitieri, Antonio Capuano, Paolo Sorrentino, Francesco Patierno. Prodotto da AN.TRA.CINE srl,
produttore esecutivo Sarah Scognamiglio.
Protagonisti sono due giovani che nel 1987 vivono in un ambiente povero e di notevole degrado e si ritrovano poi nel 2019, con una posizione sociale del tutto differente da quelle che erano le aspettative di ciascuno di loro.
La storia si svolge tra il rione Sanità ed il parco dei divertimenti partenopeo di Fuorigritta, Edenlandia.
AN.TRA.CINE, impresa costituita nel 2016 ha realizzato nel segmento audiovisivo opere in partecipazione con Bronx Film srl, Minerva Pictures Group, Paradise Pictures, come il lungometraggio “Veleno”, presentato alla 32esima settimana della critica alla Mostra del Cinema di Venezia 2017. Tra le altre, anche la produzione del cortometraggio dal titolo “Il Signor Acciaio” (2017) con la regia di Federico Cappabianca e la fotografia di Daniele Ciprì, e del cortometraggio “Il nome che mi hai sempre dato” (2018) per la regia di Giuseppe Alessio Nuzzo.“
“Quando il regista Vincenzo Pirozzi ci ha illustrato il progetto, abbiamo subito deciso di sostenere l’opera, collocando il nostro prodotto come accessorio di scena all’interno della produzione” – racconta Marizia Rubino, responsabile Marketing e Comunicazione brand “Caffè Kamo”, brande nella Projeko, tra i sostenitori del corto “La Musica è finita”.
“Siamo stati affascinati dalla storia d’amore e di riscatto sociale dei personaggi ed anche attratti dall’ambientazione nel Rione Sanità, quartiere da cui oltre 50 anni fa è partita la nostra avventura imprenditoriale. Il marchio Kamo appare così in due momenti distinti, in una scena iniziale ambientata ai giorni nostri ed in un’altra scena collocata temporalmente nel 1978, anno a cui fa riferimento il flashback del protagonista” – aggiunge Rubino.
A sostegno del cortometraggio quali partner, il ristorante e pizzeria “Da Pasqualino” al Borgo Loreto; la Pizzeria Oliva di Carla Cerbone a Edenlandia; la concessionaria Valkswagen Barbato; la Full Security.
Regista e attore napoletano, Vincenzo Pirozzi è anche ideatore e creatore dell’Accademia della Sanità, una vera e propria fucina d’arte che accoglie bambini e ragazzi del quartiere dai 5 ai 20 anni riunendoli in laboratori di teatro e cinematografia, in corsi di judo, taekwondo, danza classica e fornendo l’opportunità del doposcuola.
Anna Capasso, napoletana verace, è conosciuta per la sua attività di attrice di cinema e di teatro e per le sue apprezzate interpretazioni musicali.
Il suo impegno nel sociale si concretizza con passione e determinazione: tra l’altro è ideatrice di Arcobaleno Napoletano, apprezzata manifestazione dedicata alla solidarietà.
Armando Giuseppe Mandile 

Diventa Tester Crowdville