Idee chiare per la Campania: Annunziata Celentano

Idee chiare per la Campania: Annunziata Celentano
image_print

Pollena Trocchia. Giovane ma esperta in campo politico, conosce bene le istituzioni dall’interno, è stata ed è impegnata oltre che cresciuta in ambienti politici, ha stile e cordialità e bella presenza e soprattutto tanta voglia di fare, tutto questo uniti a un temperamento da guerriera, quindi motivata e determinata, concentrata sugli obiettivi che reputa prioritari per il benessere degli abitanti della Campania. Annunziata Celentano – conosciuta come Titti – è uno dei volti di nuova generazione più interessanti, tra i tanti candidati alle imminenti elezioni regionali in Campania.

È innanzitutto una che costruisce e non si arrende, ma va dritta per la sua strada: quella che porta a una Campania più vivibile, incominciando dalla nativa area del Vesuvio. Donna coerente ed affidabile, sa conquistare la fiducia del prossimo, e mantenerla con umanità e serietà comprovate.

Professionista stimata, affermata psicologa clinica e giudiziaria, nota criminologa, è candidata al Consiglio regionale della Campania nella lista Fratelli d’Italia, a supporto del candidato alla presidenza delle Regione Campania, Stefano Caldoro, già precedentemente governatore della Campania, con quale ha collaborato a lungo, raggiungendo ottimi risultati.

Lavoro, violenza, giovani, apprendistato, turismo, artigianato, imprese, sgravi fiscali, trasporto pubblico, problematiche della Terza età, aiuti alle coppie per la genitorialità: ecco le tematiche prioritarie che Titti Celentano ha individuato, alle quali si è da anni dedicata e si dedica.

E parla di soluzioni semplici, ma “funzionali, che migliorano la qualità della nostra vita” – come lei stessa precisa, convinta e fiduciosa nell’apporto che può dare e nei risultati che si possono raggiungere.

“È giusto offrire spunti di riflessione agli elettori. Se vorranno, potranno approfondire con me le tematiche in cui mi sento di poter offrire il mio fattivo contributo al partito di Fratelli D’Italia, alla coalizione a supporto di Stefano Caldoro ed ai cittadini della Regione Campania”.

Annunziata è originaria di Pollena Trocchia, è con orgoglio di appartenenza, una vesuviana doc – come tiene a precisare ogni volta che si presenta – assolutamente orgogliosa della sua terra che ama profondamente. Ha vissuto sempre in provincia di Napoli, a stretto contatto con la “sua gente”, condividendo quotidianamente problemi, soddisfazioni, aspettative, delusioni, speranze, obiettivi, in “costante ascolto delle problematiche della gente comune, spesso purtroppo inascoltata, e distante dalla politica”.

Conosce bene i tanti limiti, le piaghe, i problemi, come le grandi potenzialità e preziosità di questo meraviglioso territorio, ricco di storia e di natura, di eccellenze e di tradizioni, e in questi anni di forte presenza sociale e professionale, ha individuato ad una ad una le possibili soluzioni e le strategie per raggiungere concreti risultati.

Adesso, certa dei traguardi che si possono ticcare e conquistare, unendo capacità e impegno, le propone nel suo programma.

Si tratta di mete precise che, se centrate, segnerebbero davvero il futuro della zona e così pure della regione, e farebbero la differenza.

Lei, in prima persona, si mette dunque in gioco davanti alla sua gente – ci mette la faccia – e s’impegna ufficialmente a raggiungerle, basandosi soprattutto sulle sue forze, sul suo impegno personale, già conosciuto e apprezzato da tanti, che le ha procurato stima e rispetto.

Titti Celentano è un volto giovane ma di notevole esperienza, costruita a contatto con gli abitanti della Campania e soprattutto della zona vesuviana, con presenza concreta negli anni e ora ha compiuto la scelta matura di candidarsi alle imminenti elezioni regionali del 20 e 21 settembre. Dal 2010 al 2015, è stata tra i componenti della squadra dell’allora presidente Caldoro. Per lei, una importante palestra politica. In quegli anni, ha cominciato a farsi conoscere, innanzitutto per il suo costante e concreto impegno, conquistando la fiducia di tanti cittadini, soprattutto della sua area di origine: il Vesuviano.

È decisa a portare il suo contributo di idee, in linea con il programma di Fratelli d’Italia, sua lista di appartenenza.

“Riguardo alla violenza contro le donne, è scontato il mio supporto, visto che ne ho accolte tantissime nel mio studio ed in ospedale” – esordisce, affrontando uno dei temi più scottanti, una piaga per la nostra società. Questa situazione allarmante dell’escalation della violenza nei rapporti tra i sessi, è infatti una realtà che la impegna particolarmente, con la quale si scontra da anni e nell’ambito della quale ha sempre agito con grande scrupolo e massima volontà a trovare risoluzioni di sicuro effetto a favore delle donne è in grado di tutelare veramente, attuabili nella pratica.

“Quotidianamente parlo con i giovani che mi raccontano delle difficoltà che riscontrano nell’inserirsi nel mondo del lavoro. In tantissimi non vogliono proseguire gli studi, diventando facile preda e manovalanza della delinquenza. D’altro canto diventa sempre più difficile trovare artigiani preparati e mi riferisco ad elettricisti, elettrauti, idraulici, e anche a manovali. Opera ardua per le stesse imprese, che vorrebbero assumere ma non trovano personale” – afferma Titti.

“Ai nostri anziani bisogna dedicare maggiori politiche di assistenza con consistenti sgravi per medicinali ed indagini mediche, che normalmente il SSN non eroga. Un indotto che se opportunamente sostenuto ed orientato diventa volano di sviluppo apportando miglioramenti alla qualità della vita di chi assiste e di chi viene assistito” – sottolinea .

Punta sul sostegno alle coppie che desiderano avere un figlio e, per svariate cause, sono soggette a sostenere ingenti costi medici e sanitari nella speranza di vedere finalmente realizzato il loro sogno. Un sogno che dovrebbe essere realtà ier tutti e coincide con il sogno sociale: l’innalzamento dell’indice di natalità che si va sempre più abbassando pure nella nostra Campania, un tempo caratterizzata da tante famiglie numerose, dice i figli sono sempre stati considerati un tesoro, grazia di Dio è diventato ora ke nascite Vanni sempre più diminuendo, soprattutto da parte di genitori campani, ovvero nati in Italia.

In merito al trasporto pubblico, stigmatizza: “in questa Regione negli ultimi 5 anni è praticamente morto, non è più funzionale alle esigenze dell’utenza. Chiunque prende un treno o un autobus, si rende subito conto di quali disagi le persone che si servono dei mezzi pubblici sono costrette a subire quotidianamente a causa d’incapacità gestionale: ritardi consistenti, corse saltate.. Per non parlare dell’odissea estiva: gli orari sono già purtroppo normalmente ridotti ed in questo periodo di Covid-19, la situazione è diventata ancora più difficile” – denuncia a viva voce Titti Celentano, ricordando che “la rete di trasporti è insicura e malsana”.

“Chiaramente, questo impatta anche sull’offerta turistica che, in un periodo come quello che stiamo vivendo, dovrebbe essere incentivato mediante servizi efficienti. – aggiunge – La valorizzazione delle notevoli bellezze che la Campania, ed in particolare Napoli con la sua provincia, passa anche e soprattutto attraverso una rete di collegamenti che deve essere puntuale, efficiente, sicura e dai costi contenuti”.

“Per quanto riguarda il turista, è così, ma, provate a pensare all’impatto anche per tutti noi, che ci muoviamo in Campania, dalla provincia verso i capoluoghi con le città meno congestionate dal traffico… quanto ne gioveremmo in salute! … ed anche l’ambiente ne gioverebbe molto, come è accaduto nel periodo della chiusura forzata” – precisa a ragion veduta. Al di là dei dati alla mano, una constatazione che abbiamo potuto fare tutti, per esperienza vissuta personalmente.

Teresa Lucianelli