Dancinar, la prima “balera digitale” dedicata alla musica black

Dancinar, la prima “balera digitale” dedicata alla musica black
image_print

Un raduno di artisti e DJ sul web, sia audio che video, dedicato alla black music: è riassumibile così, quello che è stato Dancinar, evento in diretta streaming ideato da Romeo Alfarano, Mikey Tuff, Pierpaolo Barresi (visual recording live) e Roberto Mannarino, con l’aiuto e collaborazione di Vito di Spensa e Northern Lights.

Una vera e propria maratona in cui si sono susseguiti i principali sound e artisti italiani, fra cui One Love Hi Powa, Villada, Heavy Hammer, Vitowar, I-Tal Sound, Bass Fi Mass e Pier Tosi.

Un migliaio all’ora, le interazioni sui canali ufficiali Telegram e Youtube, durante la diretta dell’evento, che ha registrato ascolti anche oltre il confine nazionale (Francia, Spagna, Europa dell’est, Giappone e America), grazie alla partecipazione di artisti di calibro internazionale quali Bass Odyssey, Stone Love, King Addies, Sentinel, Supersonic e molti altri.

12.600 gli ascoltatori e 67.400 gli utenti totali, sul sito di Potradio.it (dove il format va in onda), radio romana nata lo scorso autunno dalla volontà di tre DJ e artisti storici della scena reggae romana, e cioè Fada Lampadread (di One Love Hi Powa), Raina (della Villa Ada Posse) e Sego (storico conduttore di Radio Onda Rossa).