CORONAVIRUS: OK PER CALCETTO E BASKET E DISCO DANCE

CORONAVIRUS: OK PER CALCETTO E BASKET E DISCO DANCE

image_print

Napoli, in arrivo l’ordinanza a firma del governatore della Campania, Vincenzo De Luca, nella quale si registrano ulteriori aperture verso la normalità.

Ecco le anticipazioni in merito ai nuovi contenuti.

Innanzitutto, la liberalizzazione degli orari di chiusura di bar, ristoranti, gelaterie, pub ed altri esercizi di ristorazione; non si rinnovano i limiti di orario previsti sinora, e non vi sarà più obbligo di somministrazione al banco o ai tavoli.

Viene approvato il protocollo di sicurezza per le attività di ballo nelle discoteche e locali simili, che vengono autorizzate a partire da sabato prossimo, 4 luglio.

Approvato pure il protocollo di sicurezza per gli sport di contatto, come calcetto e basket, di cui si autorizza lo svolgimento da lunedì 6 luglio.

Inoltre, vengono autorizzati eventi e performance di bande musicali, con l’obbligo di rispettare il protocollo di sicurezza, con decorrenza immediata.

Autorizzate pure le sagre, ovviamente nel rispetto delle norme anti-covid, a partire dal 10 luglio.

Decadono i limiti di presenza sulle imbarcazioni da diporto, che finora è stata limitata del 25 per cento della capienza omologata, mentre ora torna al 100%.

Viene pure dato mandato all’Unità di Crisi per l’istruttoria mirata alla modifica degli attuali limiti di presenza sui mezzi di trasporto regionali, anche marittimi, in ogni caso nel rispetto delle esigenze di sicurezza dell’utenza.

Riguardo alle restrizioni istituite per questo periodo, rimangono operativi e sono quindi confermati i divieti di vendita con asporto di alcolici dopo le ore 22; di consumo di bevande alcoliche nelle aree pubbliche e aperte al pubblico dopo le ore 22;

Queste dunque le ultimissime misure per la gestione e la prevenzione dell’emergenza epidemiologica da coronavirus, chiaramente indirizzate, con giustificato ottimismo, verso il ripristino completo della situazione pre-covid che tutti si augurano possa essere presto normalizzata del tutto.

Teresa Lucianelli