Capelli: il nuovo freddo invita al taglio, o punta sui lunghissimi

Capelli: il nuovo freddo invita al taglio, o punta sui lunghissimi
image_print

Corti, medi e lunghi, ecco i tagli per l’autunno-inverno: bob ultramini, ‘pixie cut’ da ‘folletto’, must have, carrè netto con frangia minimale

“I capelli lunghissimi, naturali o da allungamento con extension, a carrè, belli, sani e lucenti, da portare con orgoglio come gioielli, e i tagli scalati e sfilzati che donano inaspettato volume anche a chi e non forte, oppure geometricità di gran stile, preferibilmente mossi o effetto frisè, sono protagonisti in questo periodo freddo che ci aspetta”. Ad affermarlo è Emanuele De Cicco, che nel suo accogliente salone napoletano (via Salvator Rosa 125, accanto al Metrò) ci parla del nuovo hair style internazionale e ci spiega, taglio per taglio, a chi sta bene, per affrontare veramente in bellezza questo autunno-inverno 2020/21.

“Sbarazzina e attuale, la frangia, da portare su chiome lunghe, estremamente sexy, perché mette in evidenza gli occhi; in versione ridotta, super short, esalta l’ovale; se lunga, dona dolcezza allo sguardo, e nasconde mascelle forti. Inoltre, sono comunque particolarmente richieste le lunghezze piene e pari”.
Continua: “Di tendenza, il taglio shag, quasi una leggenda, caro alle rockstar anni ‘70/‘80: uno scalato multistrato, destrutturato, con lunghezze che sfiorano i lineamenti, più corte in cima al capo e man mano più lunghe, fino ad arrivare alla nuca e a toccare le spalle. Uno scalato estremo, che si presta a magnifiche personalizzazioni ad hoc per valorizzare i lineamenti. Ad esempio, per snellire un volto ovale o nascondere imperfezioni, va completato con un ciuffo che tocchi le guance o direttamente il mento. Il medio shag va bene per chi ha una capigliatura folta eppure è opportuno anche per quelle sottili. Infatti, attribuisce al viso un’illusoria pienezza ottica della capigliatura”.

“Molto femminile e ‘rubato’ alle stelle del cinema, il pixie cut, “taglio da folletto”, corto, spettinato e sbarazzino: un caschetto cortissimo, alla Audrey Hepburn in “Vacanze Romane”. Destrutturato e irregolare, ha il pregio di riuscire a slanciare il viso e soprattutto riesce a creare un effetto ringiovanimento. Va con la basetta che in proporzione alla lunghezza, può smussare i disequilibri, addolcire i tratti irregolari del volto, valorizzare i lineamenti, evidenziare le proporzioni regolari. Per le donne che amano i capelli corti e la praticità, poi c’è ‘à la garçonne’, tra i più trendy non assoluto” – precisa parrucchiere partenopeo. Per le medie lunghezze propone “il mid bob con fila centrale e punte leggere, in libertà. Sconsigliato per chi ha un mento importante o una mandibola forte, perché li metterebbe in risalto, è perfetto sui visi dai lineamenti morbidi o affusolati”.
“Attuali le chiome a effetto bagnato ossia ‘wet’, sono di tendenza, in versione chic ed elegante, all’insegna della sensualità e sobrietà, e pure l’effetto messy, ovvero spettinato, che il parrucchiere crea con magiche sforbiciate, assicurando un risultato molto sciolto e naturale: un salvacondotto per essere velocemente presentabili per chi va di corsa e non può impiegare la mattina del tempo prezioso davanti allo specchio con spazzola e phon per ridare forma ai capelli”.

Armando Giuseppe Mandile