Bye bye: il messaggio di Anna Capasso contro il mal d’amore

Bye bye: il messaggio di Anna Capasso contro il mal d’amore

image_print

Anna Capasso al suo nuovo successo “Bye bye”, nuovissimo brano, da lei stessa scritto insieme a Massimo D’Ambra e Vincenzo Sperlongano, appena presentato al “Gran Caffè Gambrinus”, storico di Napoli è tra i suoi simboli.

Un singolo che sa di spensieratezza, ma dal quale esce in effetti un messaggio profondo, indirizzato a tutti coloro – tanti – che prima o poi nella vita (e puoi succedere a qualsiasi età) restano intrappolati in una storia sbagliata che li fa soffrire: un “amore tossico” senza riuscire a uscirne

Alla riuscita presentazione hanno preso parte molti giornalisti e operatori della comunicazione, giù tu da tutta la campania e varie altre regioni per seguire la presentazione del nuovo singolo già da qualche giorno ampiamente annunciato.

Anna lo ha tenuto a battesimo il suo ultimo lavoro in ordine di tempo, alla presenza pure di un attento parterre di esperti di musica, teatro e cinema, che si sono soffermati sui vari momenti di creazione del brano e della realizzazione dell’altrettanto efficace videoclip, girato nella meravigliosa baia di Positano, luogo prediletto dall’artista e location ideale.

Nativa di Capua, residente pressoché da sempre a Napoli, città che sente pienamente sua, Anna Capasso oggi è un’artista pienamente realizzata e apprezzata dal vasto pubblico, che l’adora e soprattutto profondamente amata dai suoi tantissimi fans, per le doti canore come per quelle recitative, egualmente notevoli e ampiamente note. Ed è pure conosciuta per la sua versatilità e poliedricità, che le hanno consentii di fare breccia, tra tanti, insieme alla determinazione e alla concreta voglia di lavorare, nei suoi settori: teatro, cinema, musica e quest’ultimo la vede ancora una volta protagonista

Per Anna, la stagione estiva “è bella perché si balla” : lo ha dichiarato a chiare lettere in conferenza al Gambrinus dove ha siglato col suo nuovo “Bye bye”, un significativo ritorno, attraverso la spiccata musicalità e un video che riesce a fare presa anche attraverso un ben dosato cocktail di elementi vincenti. Tra questi, il fascino pulito di Anna, che piace a donne e uomini, insieme ai paesaggi indimenticabili e ai colori smaglianti della Costiera Amalfitana con fuoriserie, il tutto al ritmo di “Bye bye”.

Anna invita tutti a coltivare l’autostima ed il rispetto per se stessi, basilari nella vita. Un impegno mirato per una canzone che vuole essere ascoltata e non solo cantata. Efficaci il tono ed il ritmo: con essi riesce a trasmettere con la giusta leggerezza un messaggio profondo: “L’amore non può essere tossico, l’amore deve essere felicità”: ecco in sintesi il messaggio della cantante, impegnata proprio in questi giorni a promuovere questa sua canzone, già di successo, su tutte le piattaforme digitali e YouTube.

Nel godibile videoclip la cantautrice si rende conto di quanto il proprio partner – interpretato dall’attore Ivan Castiglione – sia deleterio e trova la forza per lasciarlo e riprendere in mano la propria vita.

Sono intervenuti anche vari personaggi della politica e del mondo artistico, presentati da Isabel Zolli promozione radio, dell’ufficio stampa della cantante, “Parole& Dintorni” diretto da Valentina Federico.

È intervenuta anche l’Assessore al patrimonio, ai lavori pubblici e ai giovani del Comune di Napoli, Alessandra Clemente. Nel presentare la Clemente, Anna ha sottolineato i valori che come lei anche Alessandra possiede, un’amicizia vera, che al giorno d’oggi non è tanto diffusa ufficialmente, soprattutto altrove, ma che tante persone comunque posseggono e rispettano, prerogativa del Sud e della Campania in particolare, con i suoi profondi valori umani, antichi e forti.

Alla nostra stessa regione, Anna ha voluto dedicare una rapida ripresa dopo la fase più aggressiva del Coronavirus, per evidenziare in Italia ed oltre i confini nazionali, le moltissime potenzialità esistenti ed emergenti.

Incominciando dalle molteplici bellezze naturali, paesaggistiche, artistiche, architettoniche, ecc , alle ricchezze territoriali quali artigianato, cultura, scienza, fino alle varie e molteplici professionalità in tutti i campi, dallo sport all’eno-gastronomia, al teatro, al cinema, alla musica, soprattutto, elementi focale della presentazione. Quella stessa musica che ha reso Napoli protagonista amatissima nei cinque continenti.

E di qui anche il ricordo per il glorioso festival della canzone napoletana.

Anna dunque cantante e pure personaggio particolarmente impegnato in campo umanitario. Un impegno costante, che la vede dal 2012 dedicarsi alla realizzazione del premio nazionale “Arcobaleno Napoletano”, con la direzione artistica del giornalista del quotidiano Roma, Diego Paura, in collaborazione con Unicef e Lilt Napoli, e con la Fondazione Melanoma Onlus diretta dal professore Paolo Ascierto, oncologo e medico ricercatore dell’Istituto Tumori Pascale di Napoli.

21