La ricerca dell’uomo perfetto: Nancy Coppola dice la sua

image_print

È nelle sale italiane un film tutto made in Naples: “Il mio uomo perfetto” per la regia di Nilo Sciarrone.
Ne sono protagonisti la cantante e attrice napoletana Nancy Coppola, e gli attori Eva Grimaldi, Francesco Testi e Antonio Palmese, Andrea Roncato, Nadia Rinaldi, Claudia Letizia, Lucia Bramieri, Malena, Maria Del Monte, Mariano Catanzaro, Antonio Fiorillo. Soggetto e sceneggiatura sono di Giuliana Boni. La produzione è Evo Films, recentemente fondata dalla stessa Coppola e da Sciarrone.
È una pink comedy alla napoletana, che garantisce tante risate con semplicità e propone i valori della famiglia, il sogno del principe azzurro quale marito ideale anche per conquistare una vita serena ed agiata. E c’è la immancabile delusione per avere creduto nel solito dongiovanni di turno, la “sorpresa” per la scoperta della posizione agiata dell’assiduo corteggiatore che appariva invece squattrinato. Tutti gli ingredienti per una favola moderna a lieto fine.
Può apparire banale ma in una trama così si rispecchiano le tante persone comuni che hanno sogni semplici.
I personaggi pure sono di un’assoluta semplicità e normalità: la ragazza genuina che vede nel matrimonio un punto di arrivo e di gratificazione, oltre che sentimentale pure economica e sociale, quando viene provata dalla immancabile delusione d’amore, si rende conto che è giusto e soprattutto è appagante costruire il proprio futuro basandosi sulle proprie forze individuali. E ci riesce. C’è il giovane determinato a raggiungere i propri obiettivi con lo studio e l’impegno, che per dignità si rifiuta di fare il figlio di papà e sceglie di partire dalla gavetta nell’azienda familiare e conquistare per merito l’inquadramento dirigenziale e non in quanto “figlio di”.
I dialoghi risultano esilaranti, c’è qualche equivoco, una morale salda.
Fa contenti gli inguaribili romantici, questo film, ed allo stesso tempo offre un’occasione per ridere, senza pensieri, onestamente, con schiettezza.
I personaggi rappresentano i desideri e i valori della gente comune.
Il film in alcuni punti risulta po’ lento ma mai noioso. Offre la speranza che i sogni si possano avverare.
“Sono molto felice di aver partecipato al film – dichiara Eva Grimaldi – e alla realizzazione del sogno di Nancy Coppola e Nilo Sciarrone… di un gruppo di grandi artisti.”
“Noi attori che li abbiamo affiancati abbiamo seguito la storia passo dopo passo e abbiamo girato il film con grande umiltà, senza camerini ma con tanto amore. L’amore che solo Napoli e il Sud sono in grado di trasmettere” – aggiunge.
“ È un film fatto con amore e per amore – spiega il regista – Siamo partiti in sordina e strada facendo siamo riusciti a coinvolgere un cast importante”.
A dare lo spunto per il film è stata una canzone dal suo ultimo album che ha ispirato Nancy, unitamente al regista e alla sceneggiatrice.
È una storia romantica e brillante, che tocca con delicatezza anche il tema dell’omosessualità e vede la protagonista, Antonietta, una ragazza determinata e autonoma, ma annoiata della routine quotidiana (interpretata dalla Coppola) che è come molte donne alla ricerca della felicità e pensa di poterla trovare in un uomo che le dia una sicurezza economica, le faccia conoscere il mondo (non è mai andata via da Napoli) e le garantisca una vita agiata. Alla fine, riuscirà a comprendere che è su se stessa che deve contare e si deve realizzare attraverso le sue effettive capacità.
Nancy Coppola afferma: “Sono stata affiancata da attori professionisti: tutte persone che, nonostante il loro grande spessore hanno saputo mettermi a mio agio. Stiamo già lavorando alla produzione di un nuovo film… Insomma, ‘E’ tutto sotto controllo’. Proprio come recita il titolo del suo nuovo album in prossima uscita, che include un duetto col figlio Vincenzo, annunciato con motivato orgoglio da mamma Nancy.
La conferenza stampa di presentazione del film si è svolta al cinema Hart di Napoli, come alla proiezione pomeridiana dell’anteprima del film a “The Space Cinema” ed al successivo partecipato party al Panart a Carinaro, con 400 partecipanti. Il lancio del film è stato patrocinato dalla Regione Campania.
“Tante emozioni inaspettate”, come sottolineano i componenti del cast, ma conquistate con grande umiltà.

 

Armando Giuseppe Mandile