Mastunicola: la tradizione è servita a Pianura

image_print

Benvenuto “Mastunicola”, nuova realtà degustativa a Pianura (via Pallucci 160). L’inaugurazione mercoledì 4 luglio 2018 alle ore 20.30, con evento Stampa.

Il locale nasce all’insegna della gustosa Cucina caratteristica partenopea, all’insegna del buon cibo partenopeo, come quello di una volta.

In effetti, “Mastunicola” è un nome che porta inevitabilmente la mente indietro nel tempo, fino a un’epoca lontana, quella della pizza originaria del Regno di Napoli.

Ora questo stesso termine viene adoperato ad arte per indicare un maniera distintiva una proposta degustativo che vada a “deliziare il palato di tutti coloro che vorranno trascorrere una serata dedicata alla migliore tradizione”.

Dunque, l’offerta gastronomica di Mastunicola è prettamente napoletana e si riallaccia alle radici di Napoli è più precisamente torna addirittura al ‘500, epoca in cui la pizza, portava questo nome particolare dovuto, secondo alcuni alla famossisima e profumatissima “vasnicola”, ossia il profumatissimo basilico, indispensabile nella maggior parte delle pizze. Incominciando dalla più famosa Margherita, di nascita successiva ma di Maggiore notorietà, e da tantissime altre specialità.

Decisamente prima che la margherita avesse i natali, e poi prendesse questo nome – in maniera utilitaristica – in onore della regina, contraddistinguendo una pizza diventata celebre ed ormai immortale, la pizza mastunicola deteneva il primato nel Regno di Napoli e sfamava con grande gustosità la popolazione e i nobili, riunendo “democraticamente” tutti in nome del buon gusto che supera differenze e divisioni.

Questi gli ingredienti: strutto, formaggio, e basilico. Il risultato è garantito e pure di grande effetto, anche se le materie prime sono semplici e povere.

La pizza di quell’epoca lontana era questa soltanto in seguito, Raffaele Esposito riuscì a prevede quanto potesse essere felice la combinazione con il pomodoro, nuovo frutto proveniente dal Sud delle Americhe unita alla mozzarella e alla “vasnicola” e conquistò la fama dedicandola con assoluta approvazione alla regina Margherita.

È noti che la Cucina napoletana più semplice e povera cucina riesce a conquistare i palati perché è ricca di sapore, e per questo è tanto famosa. Nei suoi piatti predomina il gusto e con esso la storia di un popolo, la sua cultura ricca di tradizione, affascinante mix di culture e sapori antichissimi che tuttora risultano vincenti e che vanno tutelati e tramandati. “Mastunicola” vuole mantenere vive queste tradizioni per donare ai suoi ospiti la possibilità di assaporare i gusti del tempo che fu, ricondotti all’epoca stile con garbata riscoperta.

Ne risulta una cucina tipica, “ricca di quei sapori lontanissimi ancora oggi presenti sulle nostre tavole. Quei sapori che oggi caratterizzano le nostre domeniche e che tengono felicemente unite le nostre famiglie”.

Nello staff del locale: Luigi Errico (fondatore e titolare), Raffaele Chiaiese (direttore), Gennaro Criscuolo (capo chef ), Roberta Russolillo (aiuto chef), Salvatore Gambardella (maestro pizzaiolo), Davide Criscuolo (aiuto pizzaiolo), Alberto Errico (segretario di direzione), Patrizia Guazzo (ordine pubblico).

Armando Giuseppe Mandile